Blacking out – Recensione

Un giallo coi fiocchi

Blacking out - Recensione

Star Comics pubblica un emozionante thriller, dove verità e giustizia si confondono, regalando ai lettori un finale mozzafiato (che non verrà spoilerato nella recensione).

  • Formato: 20×30,5, cartonato, colore
  • Pagine: 56
  • Prezzo: € 13,90

Blacking out – La nostra recensione

Edenzale è una cittadina della provincia statunitense. L’apparente tranquillità del paese é sconvolta dall’omicidio di Karen Littleton, “trascinata in strada, col bacino fratturato e poi bruciata”. L’imputato principale é il padre della ragazza, Robert. Mancano solo due settimane alla sua incriminazione. La Polizia, tuttavia, non crede nella colpevolezza dell’uomo, ma come si é soliti dire in questi casi, brancola nel buio.

L’Ispettore Lund decide così di chiedere aiuto a Conrad, ex poliziotto del suo dipartimento, allontanato a causa dei suoi problemi con l’alcol. Lund é un personaggio poco trasparente: non ha interesse nella risoluzione del caso, ma nella chiusura della pratica e nella conseguente celebrità per aver chiuso in gabbia l’assassinio di una ragazzina.

La voglia di redenzione di Conrad, il protagonista della storia, è reale, anche grazie all’incontro con la giovane Anita, con la quale sembra stia nascendo un rapporto importante. A complicare però la relazione tra i due c’è l’ex fidanzato Jeremiah Bower, amico ed ex compagno di pattuglia di Conrad.
Anche se la premessa non é molto originale, la lettura della graphic novel, scritta da Chip Mosher e illustrata da Peter Krause, lascerà molto soddisfatto il lettore.

La risoluzione del caso, la presenza di un supporting cast ben delineato e l’ottimo intreccio creato da Mosher e ben supportato dai disegni “adulti” di Krause sono dei punti di forza di una storia che appassionerà i fan delle dei romanzi gialli, noir e hard boiled.


Informazioni su Mauro "Uino" Orsi 30 Articoli

Marvel Zombie e lettore compulsivo. Ama andare al cinema e ai concerti, ma non rinuncia al binge - watching.

Lascia un commento