Edizioni NPE presenta L’uomo lupo

la trasposizione a fumetti del celebre film horror diretto da George Waggner

L'uomo Lupo - Recensione

Alla sua uscita nelle sale nel 1941, L’uomo Lupo diretto da George Waggner si rivelò un successo clamoroso ed entrò prepotentemente nel pantheon degli Universal Classic Monsters. Un grande classico del cinema horror d’annata, che ha conosciuto diverse reinterpretazioni nel corso degli anni e che ora rivive nel volume a fumetti pubblicato da Edizioni NPE: «L’uomo Lupo», con le evocative tavole di Sergio Vanello e i testi di Luca Franceschini.

L’uomo lupo

Protagonista è il giovane Larry Talbot, tornato in Galles per riunirsi al padre dopo la scomparsa del fratello maggiore. Ben presto si innamora di una ragazza, Gwen, figlia di un antiquario dal quale acquista uno strano bastone. Dopo una serata trascorsa a farsi predire il futuro da un gruppo di zingari, Larry si imbatte in un lupo e, nel tentavo di ucciderlo, viene morso sul petto. In preda a incubi e visioni di rituali aberranti, l’indomani si accorgerà di aver lottato contro un lupo mannaro. Da quel momento, la sua vita cambierà per sempre.

A partire dal canovaccio del famoso film, la storia è stata rinarrata e adattata al linguaggio del fumetto enfatizzando la dimensione “horror”, la visionarietà e il costante irrisolto dualismo uomo-bestia. Un metaforico viaggio nella psiche umana alla scoperta di un latente aspetto animalesco, spaventoso e affascinante al tempo stesso. In libreria dal 16 settembre.

«Anche l’uomo che ha puro il suo cuore, ed ogni giorno si raccoglie in preghiera, può diventar lupo se fiorisce l’aconito, e la luna piena splende la sera.»

Anni Quaranta. Il giovane Larry Talbot torna nella sua ricca casa in Galles, per riunirsi al padre rimasto solo dopo la scomparsa del fratello maggiore. Ben presto si innamora di una ragazza, Gwen, figlia di un ambiguo antiquario dal quale acquista un bastone con un pomo d’argento a forma di testa di lupo. Dopo una serata trascorsa a farsi predire il futuro da un gruppo di zingari, Larry si imbatte in un lupo e, nel tentavo di ucciderlo, viene morso sul petto. In preda a incubi e visioni di rituali aberranti, l’indomani il protagonista si accorgerà di aver lottato contro un lupo mannaro e da quel momento la sua vita cambierà per sempre.

Un grande classico del cinema horror d’annata, che ha conosciuto diverse reinterpretazioni nel corso degli anni e che ora rivive nelle evocative tavole del fumettista Sergio Vanello con i testi di Luca Franceschini.  A partire dal canovaccio del famoso film, la storia è stata rinarrata e adattata al linguaggio del fumetto enfatizzando la dimensione “horror”, la visionarietà e il costante irrisolto dualismo uomo-bestia. Un metaforico viaggio nella psiche umana alla scoperta di un latente aspetto animalesco, spaventoso e affascinante al tempo stesso.


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 4193 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo geek.
Vita da nerd.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento