Le Cronache di Avel – Recensione

A difesa del castello!

Le Cronache di Avel - Recensione

Radunate i guerrieri e preparate tutte le vostre difese: il castello è in pericolo e va salvato a ogni costo. La luna Oscura ha liberato terribili creature e i giocatori vestiranno i panni di valorosi eroi che si uniranno per difendere il regno di Avel. Benvenuti al gioco premiato come miglior gioco dell’anno 2022.

SCHEDA LE CRONACHE DI AVEL

Contenuto
  • 15 tessere tabellone
  • 1 tracciato lunare
  • 1 indicatore astrolabio
  • 3 pedine mura
  • 1 stemma di Avel
  • 27 segnalini moneta
  • 3 segnalini sigillo lunare
  • 3 segnalini trappola
  • 4 plance personaggio
  • 1 libretto con disegni dei personaggi
  • 8 dadi eroe
  • 4 pedine personaggio
  • 1 contatore di resistenza
  • 3 segnalini cratere
  • 25 segnalini equipaggiamento
  • 31 segnalini mostro
  • 1 almanacco
  • 1 mappa delle costellazioni
  • 1 scheda di consultazione
  • 5 dadi mostro
  • 20 indicatori resistenza
  • 10 indicatori danno
  • 4 segnalini azione
  • 12 indicatori equipaggiamento usato
  • 1 sacchetto equipaggiamento

Le Cronache di Avel – La nostra recensione

Prima di iniziare una partita a Le Cronache di Avel – per cui ringraziamo Asmodee per la copia review – è necessario preparare il campo piazzando le tessere del tabellone seguendo lo schema indicato nel regolamento, con solo le prime tre scoperte. Collocati gli altri segnalini si può procedere alla creazione del personaggio, una parte non troppo profonda ma comunque divertente. Tramite il blocchetto dei disegni, la mappa delle costellazioni e la pesca del primo segnalino equipaggiamento si dà vita al proprio alter ego, pronto a difendere Avel con tutte le sue forze.

Le meccaniche di gioco sono di facile assimilazione, fatto che rende questo titolo adatto a tutta la famiglia. La partita si svolge attraverso alcuni round contrassegnati sul Tracciato Lunare: durante il turno di gioco ogni giocatore ha a disposizione due azioni a scelta tra Movimento, Combattimento, Azione Tessera e Riposo. La prima consiste di spostare il personaggio su una tessera adiacente, rivelando quelle girate a testa giù se necessario e applicando i vari mostri laddove presenti. Il Combattimento porta invece in un massimo di 3 scontri tra il personaggio e il mostro presente nella tessere. Il risultato è dato dal lancio di dadi (sia per il giocatore sia per il mostro) e dai risultati ottenuti, con la possibilità di subire danni da ambo le parti, così come quella di essere sconfitti. Gli eroi in questa fase possono avere il sostegno dell’equipaggiamento o di pozioni che aiutano le sorti dello scontro indirizzandolo verso la vittoria.
Se il giocatore sceglie invece Azione Tessera può svolgere le specifiche azioni di determinate tessere, a patto di trovarsi sopra di esse con il personaggio: si tratta in particolar modo 7 tessere in grado di fornire i più disparati vantaggi (vi lascio la scoperta di quali). L’ultima azione possibile, Riposo, consiste nel recuperare fino a 2 indicatori resistenza.

I turni proseguono fino a quando si innesca la fine della partita, data dal Tracciato Lunare e dal risveglio della Bestia che inizierà a marciare senza sosta verso il castello di Avel. A questo punto per i giocatori diventa fondamentale sconfiggere tutti i mostri – bestia compresa – senza che questi abbattano le mure del castello e lo conquistino, altrimenti per loro sarà la fine.

Le Cronache di Avel riesce per certi aspetti a sorprendere per la sua capacità di adattamento. I giocatori più avvezzi e anche i più piccoli sapranno trovare il proprio posto attorno al tavolo, grazie anche al forte spirito collaborativo del gioco. Ottimo lo stile grafico scelto così come la qualità e la gestione dei materiali a partire dalla scheda personaggio customizzabile.

SEGUICI SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM E RESTA AGGIORNATO IN ANTEPRIMA SUI NOSTRI CONTENUTI!


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 5605 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito e inusuale. Vita da nerd.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
#powertobenerd

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.