Fantascatti – Recensione

A caccia di fantasmi!

Fantascatti - Recensione

Il mondo del paranormale, grazie all’alone di mistero che lo circonda, di ignoto e inesplorato, sa esercitare un certo fascino su ognuno di noi. Ecco, mettiamo da parte però tutte quelle parte un po’ più legata al genere horror e più spaventosa per lasciare spazio a Fantascatti, il gioco da tavolo di Giochi Uniti rivolto a grandi e piccini che si è reso protagonista di una nuova edizione. Scaldate la vostra destrezza e i vostri riflessi e date una mano a Tommy nella sua caccia ai fantasmi!

SCHEDA FANTASCATTI

Contenuto

  • 48 carte tranello
  • 1 Peppone il fantasma timidone
  • 1 Tommy il giovane investigatore
  • 1 regolamento

Fantascatti – La Nostra Recensione

La nuova edizione di Fantascatti vede il nostro piccolo Tommy, armato della sua macchina fotografica, andare a caccia di fantasmi. Con questo espediente prende via questo party game di destrezza pensato per 2-6 giocatori (spoiler ma neanche troppo: più sarete al tavolo più sarà divertente). Tutto ruota attorno a una serie di dischi colorati dietro i quali si nascondono i diversi mini-giochi che vi intratterranno.
La meccanica che si innesca è di facile comprensione, a riprova del fatto che questo titolo sia rivolto anche ai giocatori più piccoli. Dalla pila di dischi si gira il primo e si esegue il gioco svelato (trovare le differenze, comporre una figura, sommare delle cifre o anagrammare una parola) confrontando la figura nera al centro della figura con quella del colore indicato sul disco in cima alla pila. A seconda dell’esito positivo o negativo del gioco (e cito a titolo di esempio: con le lettere rosse sparse sul disco si riesce a comporre l’oggetto raffigurato? O ancora, con le cifre verdi si riesce a ottenere la somma esatta del numero indicato al centro?) si deve afferrare Tommy o il fantasmino per aggiudicarsi il turno e, di conseguenza, il disco con cui si è giocato. Alla fine della partita, quando i dischi saranno esauriti, chi ne avrà raccolti di più sarà decretato vincitore.
Per aggiungere quel pizzico di competitività in più, qualora un giocatore dovesse sbagliare a prendere l’oggetto, sia perché si è confuso sia perché ha dato la risposta errata, dovrà cedere uno dei suoi dischi. Quindi, agire velocemente ma con attenzione.

Fantascatti fa della frenesia il suo punto di forza, tant’è che la durata delle partite non supera il quarto d’ora; sarà molto probabile invece che non vi vogliate fermare a una sola partita e il fatto che l’ordine dei dischi è sempre diverso favorisce varietà supportando la rigiocabilità. I giocatori più navigati che cercano un titolo light per chiudere le serate forse non saranno spinti a riprendere tra le mani Fantascatti mentre chi si approccia per la prima volta a questo genere di giochi – e sicuramente i più piccoli – apprezzeranno maggiormente il prodotto di Giochi Uniti ed è proprio a loro che ci sentiamo di consigliarlo.


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 4364 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo geek.
Vita da nerd.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento