Grand Austria Hotel – Recensione in 5 Meeple

Le molte gioie e i pochissimi dolori del giovane gestore di Grand (austria) hotel

Grand Austria Hotel - Recensione in 5 pillole

Grand Austria Hotel - Recensione in 5 pillole

Il gioco

Giocatori: 2-4

Età consigliata: 12+
Durata partita: 90 minuti

Lingua: Italiano
Prezzo: 40,99
Contenuto: Tabellone Centrale, Plancia Hotel (1 x giocatore), Plancia Azioni, Dadi, 2 mazzi di carte (mazzo ospiti e mazzo aiutanti)

Gestire un Hotel sì, ma nel centro di Vienna e con tanto di ospiti illustri. Questo è il concept di Grand Austria Hotel, un quasi piazzamento dadi particolare ed elegante creato dal duo italiano Gigli – Luciani edito in Italia da Cranio Creations.
Un gioco stile german, pieno di dadi ma senza alea. Un tabellone centrale ospiterà una bella grafica della piazza con altrettanti tavolini dove verranno piazzate le carte raffiguranti i nostri avventori. Avventori affamati e assetati: ognuno di loro infatti per venire nel nostro hotel avrà bisogno di veder soddisfatta la propria richiesta alimentare. Tra vino, strudel, dolce e caffè dovrete prendere le risorse necessarie per accontentare il palato dell’ospite e poterlo quindi piazzare in una delle camere del vostro hotel prendendone il relativo bonus.
Grand Austria Hotel - Recensione in 5 pillole

Cos’è

Come prendere queste risorse? La meccanica centrale del gioco è tirare i dadi e piazzarli sotto la relativa colonna azione in base al numero del risultato. La quantità di dadi presente sotto ogni colonna determina la “forza” dell’azione. Esempio: colonna azione “prendere vino/caffè ha 4 dadi sotto? Potrò prendere 4 risorse tra vino e caffè con il primo sempre in quantità maggiore del secondo (regola banale ma cattivella in fase di gioco).
Le altre azioni disponibili sono oltre al prendere provvigioni quelle di giocare una carta del mazzo aiutanti (camerieri e addetti all’hotel che vi daranno diversi bonus) oppure preparare le camere dove ospitare le persone e infine prendere denaro. A cosa servono i soldi? In base al piano nel quale piazzerete gli ospiti ci saranno dei costi e dei bonus che potete vedere nel dettaglio nel regolamento. Il gioco termina dopo 7 (soli) round. Occhio infine all’imperatore: ogni tot turni scaglierà sui poveri giocatori bonus e malus in base al punteggio raggiunto fino a quel momento sul “tracciato imperatore” anche questo incrementabile con bonus o con azioni.
Grand Austria Hotel - Recensione in 5 pillole

Come Gira

Un gioco stretto che non sembra stretto finchè non ti trovi a metà gioco con tantissime cose da voler fare, un gioco elegante a tal punto da non risultare mai macchinoso o farraginoso. Può essere proposto un gradino sopra ai giochi introduttivi, per cui va bene anche come prima esperienza se il neofita di turno è curioso e desideroso di ascoltare i circa 15 minuti di spiegazione necessari. I turni scorrono velocemente ed è possibile pensare in parte al proprio turno mentre si svolge quello degli altri. Gira benissimo in 2, molto bene in 3, bene in 4. Il difetto in più giocatori sono i tempi morti tra un turno e l’altro.

Ci piace perché

È il classico gioco elegante e senza sbavature, che hai sempre voglia di giocare. Una partita a Grand Austria Hotel non annoia mai, può essere fatta fare a una grande varietà di persone, ed è il classico gioco da tenere a casa che tirerete fuori più di quanto vi aspettate. Adatto a giocatori esperti ma giocabile anche da chi ha iniziato da poco con i GDT

Non ci piace perché

I tempi morti, se si gioca in 3 o 4 giocatori, possono diventare importanti soprattutto con dei pensatori al tavolo. Il tracciato imperatore ti obbliga a deviare dalla strategia strettamente legata alla gestione dell’hotel e può risultare non completamente contestualizzata.

“Geek-Store”

Lascia un commento