Ghost of Tsushima non sarà fedele alla verità storica

Un videogioco, non un documentario

Ghost of Tsushima non sarà fedele alla verità storica

Ghost of Tsushima è la nuova IP di Sucker Punch in via di sviluppo in esclusiva per PlayStation 4. Il gioco sarà ambientato nel Giappone del XIII secolo, una delle location maggiormente desiderate e affascinanti per i fan di un’altra saga videoludica (qualcuno ha detto Assassin’s Creed?). Dopo aver svelato dettagli circa la difficoltà complessiva del gioco, la software house, attraverso le parole di Chris Zimmerman, ha avuto modo di svelare nuovi dettagli circa il rapporto che ci sarà tra Ghost of Tsushima e la verità storica.
Ghost of Tsushima non sarà fedele alla verità storica

Ghost of Tsushima non sarà fedele alla verità storica

Parlando con la testata internazionale GameSpot, Chris Zimmerman di Sucker Punch ha precisato che ci saranno delle deviazioni dalla precisione storica e dai fatti realmente accaduti.
Vogliamo discostarci intenzionalmente dalla verità storica.” sono state le sue parole “Molto del supporto che riceviamo dai nostri amici di Sony in Giappone, e dai nostri amici giapponesi in nella divisione americana di Sony, e tutti i consulenti culturali che abbiamo assemblato per aiutarci a fare questo gioco, ci rassicura e ci permette di allontanarci dalla storia non in modo casuale. Ci sono cose che faremo che saranno diverse e vogliamo sceglierle saggiamente.”
Zimmerman ha precisato inoltre che la software house farà di tutto per coinvolgere e immergere il giocatore nelle atmosfere del tempo, rappresentando il Giappone del XIII secolo in maniera fedele.
Per il momento invece non si conosce ancora la data di uscita di Ghost of Tsushima.

“Geek-Store”


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 3661 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo horror.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento