Monkey Man – Recensione

Dev Patel all'esordio da regista

Monkey Man - Recensione

Dev Patel scrive, dirige e interpreta il suo esordio da regista. Ci si diverte, con la benedizione di Jordan Peele, tra esoterismo, denuncia sociale e tante, tante, tante botte.

Monkey Man – La nostra recensione

Chi è Dev Patel? Un attore iscritto al sindacato degli attori i cui nomi ci dicono qualcosa, poi lo si cerca su Google e capisci chi è. Le sue interpretazioni in The Millionaire (2010,  vincitore di 8 Premi Oscar)  e Lion – La strada verso casa (2016) sono probabilmente le più note al grande pubblico, ma nel corso della carriera, Patel ha sperimentato e partecipato a progetti interessanti, come Humandroid o gli ultimi corti di Wes Anderson, disponibili su Netflix. 

E proprio nel grande catalogo della piattaforma streaming doveva debuttare Monkey Man, l’ambizioso progetto al quale Dev ha lavorato per diversi anni. Che è successo poi? Che è intervenuta la Monkeypaw Productions, la casa di produzione di Jordan Peele. Secondo il regista di Get Out e Us, l’opera prima di Patel merita il passaggio in sala. E così avverrà da domani.

Ce la sentiamo di contraddire Jordan Peele? Parzialmente.

Monkey Man è un Revenge Movie ambientato in India, dove un giovane uomo anonimo (Patel stesso) si guadagna da vivere combattendo contro altri uomini; tutti i lottatori indossano una maschera. Il protagonista indossa la maschera di una scimmia, ispirata alla leggenda di Hanuman, una divinità metà uomo e metà scimmia, una delle figure più amate in India. Il ragazzo è molto legato alle tradizioni indiane più antiche, grazie all’educazione ricevuta dalla madre, assassinata dal capo della polizia durante l’infanzia di Monkey Man. Con il passare degli anni, la rabbia e la voglia di vendetta del giovane uomo non si sono placate, anzi. Finalmente, sembra essere arrivato il momento della resa dei conti, un’occasione enorme per vendicare la madre e tutte le popolazioni più fragili dell’India, vessate dal potere e da una classe dirigente corrotta e violenta. 

In Monkey Man c’è l’India in tutte le sue sfaccettature, c’è (un pizzico di) denuncia sociale verso un mondo classista e negligente verso i fragili, ma soprattutto ci sono tanti cazzotti e calci. Tutto già visto? Assolutamente sì. Non ci si annoia, ma la sceneggiatura del film è un richiamo continuo a un universo cinematografico ben definito dove Monkey Man si inserisce dignitosamente. Inoltre, qualche scena risulta superflua e i 113 minuti del film risultano a tratti eccessivi. 

Perché vederlo? Sicuramente per la regia di Patel: nonostante l’ambientazione indiana, lo stile è occidentale e richiama tutto il meglio del cinema d’azione da combattimento, sostenuto dall’ottimo lavoro alla fotografia di Sharon Meier e dalla colonna sonora di Jed Kurzel. L’estetica è davvero notevole e possiamo dire che la forma supera di gran lunga il contenuto. Sarà per questo che Peele ha insistito per la distribuzione in sala? 

SEGUICI SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM, RESTA AGGIORNATO SUI NOSTRI CONTENUTI E COMMENTA CON NOI!


Informazioni su Mauro Orsi 134 Articoli

Lettore compulsivo, appassionato di cinema e musica. Ama le storie: raccontate, vissute, disegnate, cantate, scritte o sognate. Insomma di tutto, un po'(p).

Lascia un commento