Edizioni NPE svela L’archeologo sul grande schermo

Da Indiana Jones e Lara Croft

Edizioni NPE svela L'archeologo sul grande schermo

«La X non è mai il punto in cui scavare. Ma siamo proprio sicuri?»

Così il professor Henry Jones jr ammonisce i suoi allievi poco prima di volare in Italia. Una volta giunto a Venezia, troverà una grande X sul pavimento di una biblioteca e decidere di sfondarlo con un candelabro, contraddicendo quanto detto a lezione. È una delle scene migliori di Indiana Jones e l’ultima crociata (1989), in cui esagerazione e ironia si mescolano in un insieme irresistibile. Edizioni NPE annuncia L’archeologo sul grande schermo, un volume per chi ama il cinema e l’archeologia.

L’archeologo sul grande schermo

Fino ad ora, in Italia, non era mai stato pubblicato un lavoro di questo tipo, a parte alcuni articoli per “addetti ai lavori”, in cui però era sempre venuta a mancare la parte di analisi verso i singoli film e veniva privilegiato più l’aspetto comunicativo e, soprattutto, di percezione della figura dell’archeologo verso il grande pubblico. Questo volume ci porterà a toccare sia la storia del cinema tout court sia quella dell’archeologia: l’entusiasmo per le scoperte aveva seguito di pari passo la moda dell’esotismo, che l’avvento del cinema aveva poi amplificato a dismisura. Scopritori impavidi, mummie, misteri, donne bellissime, amori e perdite rappresentano un filone che avrà talmente tanta fortuna da essere replicato sino ad oggi attraverso film di genere come le varie versioni de La mummia, horror come L’esorcista e personaggi iconici come Indiana Jones o Lara Croft, giusto per citare i più noti. Non mancano derive curiose, come il cinema erotico soft e hardcore e opere smaccatamente d’autore. Verranno messe in luce similitudini, differenze e criticità sulla rappresentazione di un mestiere che è decisamente ben diverso da ciò che vediamo sul grande schermo ma che, paradossalmente, proprio grazie al cinema, ha acquistato un fascino che dura ancora oggi.

Quando all’alba degli anni Ottanta apparve per la prima volta al cinema Indiana Jones, l’archeologia trovò subito la sua icona perfetta. Scopritori impavidi, mummie e misteri hanno rappresentato un filone talmente fortunato da essere replicato sino ad oggi attraverso numerose pellicole: da La mummia Stargate, passando per Lara Croft e Il mistero dei templari. Se da un lato questi film hanno contribuito a conferire grande popolarità alla figura dell’archeologo, dall’altro ne hanno veicolato alcune storture e condizionamenti. 

Il volume «L’archeologo sul grande schermo», pubblicato da Edizioni NPE, conduce un’analisi attenta del fenomeno toccando sia la storia del cinema tout court che quella dell’archeologia. Un approfondimento a cura di Francesco Bellu, archeologo anch’esso, che passa in rassegna tutte le opere di genere all’interno di un discorso prima cinematografico e poi di rilettura culturale. Il saggio contiene anche un elenco completo, in ordine cronologico, di tutti i film realizzati sul tema: dal cinema muto dei primi del Novecento fino alle ultimissime uscite. In libreria dal 18 novembre.

Acquista il volume su Edizioni NPE.


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 4295 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo geek.
Vita da nerd.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento