Tic Tac K.O. – Recensione

Non chiamatelo Tris

Tic Tac K.O. - Recensione

Provate a unire il classico gioco del tris – quello che abbiamo provato a fare tutti su un pezzetto di carta o su un fazzoletto o alla lavagna – a unicorni e draghi, il tutto condito con l’ormai iconico stile firmato Unstable Games. Il risultato di questa ricetta è semplice: Tic Tac K.O., un gioco di carte che riscrive le regole del tris.

SCHEDA TIC TAC K.O.

Contenuto
  • Mazzo Drago (40 carte)
  • Mazzo Unicorno (40 carte)
  • Mazzo Obiettivo (12 carte)
  • 1 Griglia

Tic Tac K.O. – La nostra recensione

Personalmente sono un grande estimatore di quei giochi tavolo che riescono a spiegarti in pochi righe di regolamento come funziona il gioco: Tic Tac K.O. per certi aspetti si supera, perché il gioco stesso funge da regolamento. Anche solo aprendo la confezione, senza leggere nulla, si potrebbe facilmente intuire come si giochi e, di conseguenza, come vincere. Chiaramente non è mia intenzione però lasciarvi all’oscuro in sede di recensione quindi diamo uno sguardo più da vicino al gioco targato Asmodee, che ringraziamo per la copia review.

Dimenticati cerchi e croci e fate spazio a Draghi e Unicorni: Tic Tac K.O. si distingue per la presenza di due mazzi – con le creature già citate – che andranno a indicare le due squadre presenti: il consiglio infatti, nonostante sia presente una modalità per 3 giocatori, è di affrontare le partite in 2 o 4 giocatori, così da avere le squadre perfettamente bilanciate e far esprimere il gioco al suo meglio. Entrambi i mazzi sono caratterizzati dalla presenza di diverse tipologie di carte: queste variano da quelle personaggio (semplice o speciale con particolari abilità) a quelle magia passando per quelle istantanee. Queste ultime due consentono azioni specifiche in grado di far volgere la partita a proprio vantaggio oppure bloccare l’avversario, a patto di essere usate con il giusto tempismo.

Il “terreno di scontro” è una griglia 4×4 (3×3 durante le prime partite fino a quando non avrete preso la giusta confidenza) e per ottenere la vittoria è necessario essere la prima squadra a completare 3 carte obiettivo. Queste – tenute segrete fino al loro completamento – rappresentano gli spazi della griglia che devono essere occupati dai propri personaggi. Con questo in mente i giocatori devono cercare quindi di soddisfare il proprio obiettivo ma anche di provare a intuire quello avversario, spostando i suoi personaggi e scompigliando la griglia di gioco. Una volta completato quanto richiesto, la carta corrispettiva viene rivelata e le carte utilizzate per raggiungere l’obiettivo vengono rimosse definitivamente dalla griglia.

La partita prosegue in questo modo fino a quando una squadra non avrà collezionato tre carte obiettivo. Naturalmente non vi spiegherò in questa sede i contenuti delle carte, le abilità dei personaggi o le magie dei differenti mazzi. Ogni carta infatti è perfettamente autoesplicativa e non è necessario approfondire in alcun modo il loro contenuto, che lascio scoprire direttamente a voi. Sullo stile grafico c’è poco da dire, la firma di Unstable Games è evidente e ancora una volta fa centro.

SEGUICI SUL NOSTRO CANALE TELEGRAM E RESTA AGGIORNATO IN ANTEPRIMA SUI NOSTRI CONTENUTI!


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 5357 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito e inusuale. Vita da nerd.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
#powertobenerd

Lascia un commento