Rider’s Republic – Recensione

La sagra degli sport estremi

Rider's Republic - Recensione

La sagra degli sport estremi, manca solo un contest per chi ha il coraggio di mangiare la carbonara con la panna

Rider’s Republic è uno spettacolare gioco che vi da la possibilità di lanciarvi a capofitto in una miriade di circostanze e ambienti estremi, e vi da la possibilità di condirli con dei 360° che farebbero venire i capelli bianchi a Tony Hawk

Stiamo parlando di un gioco che ha posto le proprie basi sul divertimento, e si è quindi (con nostra grande gioia) allontanato dai canoni di un simulatore di sport in cui avremmo conseguito risultati dopo frustranti e infiniti tentativi, e si è morbidamente adagiato su un letto di soffici mosse arcade, anche non facili da realizzare, ma che ci permettono di goderci a pieno l’esperienza, proiettandocele con una qualità grafica molto curata!
Ovviamente, quando saremo più abili nel controllo, potremo gradualmente (o in maniera traumatica, a voi la scelta) far si che i comandi diventino molto meno Arcade e molto più rilegati alla nostra capacità, aumentando la difficoltà ma anche la nostra soddisfazione e le nostre ricompense

Ho una montagna, e non ho paura di usarla!

Certamente non siamo davanti a un gioco che segue chissà quale storia strappalacrime o ricca di colpi di scena, perchè non è il suo ruolo, ma ha una storia lineare e basilare che ci porterà in giro fra vari paesaggi e sport, facendoci prima temprare in una buona serie di competizioni estreme, per aprirci poi del tutto la porta sulla vastità di eventi in cui potremmo gareggiare

Pistaaaaaaaaaaaaaaaa!

Dallo Snowboard alle tute alari, dalle bici agli sci, dalle semplici corse in cui vince il primo arrivato, alle competizioni in cui dovrete macinare punti su punti in evoluzioni per poter primeggiare, questa sarà la vostra quotidianità che vi farà guadagnare soldi a catinelle da spendere nello shop per rendere voi e le vostre attrezzature tremendamente “Coooooooool”

Con Rider’s Republic si aprirà davanti a noi un open world che ci offrirà una libertà quasi totale, grazie a cui potremo spaziare fra i 6 luoghi presenti nel gioco, e finire a gareggiare con una marea di persone
Ebbene si, perchè una volta aperta la mappa potrete vedere un brulicare di piccole icone che rappresentano altri giocatori come voi, e lanciarvi quindi in sfide multiplayer che trascendono le leggi della fisica e dell’inerzia che vi permetteranno di guadagnare stelle… stelle a profusione
Le stelle sono il modo con cui il sistema ci permette di progredire e aumentare sempre più la nostra attrezzatura
Portare a compimento un evento, ci regalerà stelle, ma farlo condendolo con acrobazie folli e perfetti atterraggi, ci permetterà di ottenerne molte di più

Guarda mamma, sono ecologico!

Ma se non voleste compagina e vi piacesse stare a guardare la neve e i paesaggi? No Problemo, c’è una modalità anche per voi, grazie a cui tutto il gioco si trasforma in una sorta di gigantesco single player, e il mondo è a vostra completa disposizione, potrete scendere ogni discesa e sciare su tutta la neve che vorrete, il vostro solo limite è la fantasia

Finalmente ad Aspen, sugli Aspennini!

L’ambiente circostante come lo potremmo descrivere… beh, semplice: Bello!
E’ proprio bello e naturale quello che vi sta intorno, vi verrà voglia di mettervi una coperta sulle gambe con tutta quella neve, o di accendere il ventilatore mentre sarete in mezzo alle aride rocce!
Siamo onesti però, qualche glitch non manca, spesso la grafica si perde in poligoni che si sovrappongono e a volte il pubblico pare “gommoso”, ma questo non va sicuramente a screditare il gioco

In terza fila si vede mia zia!

Se siete poi alla ricerca di qualcosa di insolito, esistono degli eventi appositi chiamati Shackdaddy, che vi metteranno in gare ai limiti dell’assurdo in cui userete vecchi sci da museo o vi ritroverete vestiti da panda a consegnare pizze in un parco nazionale… con dei dialoghi italiani abbastanza assurdi ma divertenti

Quindi tirando le somme che diciamo? diciamo che diverte! Siamo davanti al gioco migliore del mondo? no, ha i suoi difetti come li abbiamo tutti, ma per gli amanti del genere è chiaramente un must have!

E ora si va a sciare!

Lascia un commento