Detroit Become Human: come nasce la colonna sonora

Tre personaggi, tre musiche, una colonna sonora

Detroit Become Human: come nasce la colonna sonora

In Detroit: Become Human, i giocatori assumeranno il controllo di tre personaggi. Nonostante Kara, Connor e Markus siano androidi, ognuno di loro è un modello diverso e svolge un funzione precisa nella società dell’uomo. Per dare risalto a tre storie così diverse, Quantic Dream ha deciso di affidare la colonna sonora a tre compositori affinché producessero tessuti sonori diversi che avrebbero comunicato l’identità di ogni personaggio e, di conseguenza, il suo percorso narrativo.
Detroit Become Human: come nasce la colonna sonora

Compositore di Kara – Il violoncellista Philip Sheppard

Il primo compositore contattato è stato Philip Sheppard, che ha composto il tema di Kara. La software house aveva già scelto una delle sue composizione agli albori dello sviluppo per il trailer di presentazione di Detroit (PGW 2015).

Compositore di Connor – Nima Fakhrara

Nima Fakhrara, che aveva lavorato al film “The Signal” (diretto da Will Eubank), è stato il secondo compositore contattato. Nima è riconosciuto per la capacità di creare strumenti personalizzati per i suoi progetti.

Compositore di Markus – John Paesano

Le epiche composizioni orchestrali di John Paesano per “Daredevil” (Netflix) e “Maze Runner – Il labirinto” (diretto da Wes Ball), hanno portato Quantic Dream ha contattare John Paesano per le musiche di Markus.

Lavorare con questi tre artisti è stato molto impegnativo ma, soprattutto, incredibilmente gratificante. Il risultato è una colonna sonora molto particolare, che ci auguriamo i giocatori possano apprezzare il 25 maggio.” ha dichiarato Quantic Dream.

“DetroitBecomeHuman”


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 3521 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo horror.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento