Frantics – Recensione

Occhio alla volpe!

Frantics - Recensione

La gamma dei titoli PlayLink, il nuovo modo di giocare grazie all’interazione tra gli smartphone e PlayStation 4, si è arricchita di un nuovo contenuto. Frantics è l’ultimo titolo in ordine cronologico che va ad arricchire la libreria che, tra gli altri, vede già la presenza di Hidden Agenda oppure Sapere è Potere.
Per chi non lo sapesse, i titoli PlayLink (una volta scaricata la relativa app) sfruttano gli smartphone, iOS oppure Android, per interagire direttamente con lo schermo del televisore e giocare così senza dover impugnare il controller DualShock 4. Ma, bando alle ciance, è tempo di Frantics. Volpe ci aspetta.

Una Volpe d’altri tempi
Volpe è il personaggio attorno a cui ruota Frantics. Sulle scie di “Collodiane” memorie, Volpe appare poco raccomandabile, invischiato in chissà in quale male affare ma questo poco importa. Ciò che conta è che organizza gare all’ultimo colpo tra animali. Quattro partecipanti pronti a darsi battaglia per conquistare il maggior numero di corone possibili e vincere così la partita.
Il gameplay di Frantics è estremamente semplice, un po’ meno l’interazione tra smartphone e PlayStation 4. Da questo punto di vista forse è il gioco meno riuscito in assoluto tra quelli attualmente disponibili per PlayLink anche perché va a intaccare maggiormente il dispositivo mobile: per giocare infatti non servirà solo lo schermo touch ma in alcuni minigiochi sarà necessario fare riscorso al giroscopio del telefono con una calibrazione non sempre perfetta.
Procediamo con ordine però. La parola chiave per Frantics è minigiochi: l’intero titolo si snoda attraverso un susseguirsi di minigame che servono a decretare il vincitore finale. Al termine di ogni game il vincitore otterrà una corona e una volta che saranno terminate tutte le sfide il giocatore che avrà più corone sarà il trionfatore assoluto. Semplice.
All’interno dei minigiochi sarà possibile raccogliere monete utilizzabili in aste speciali, che consentiranno l’acquisto di potenziamenti utili per raggiungere più velocemente la vittoria. Ad arricchire ulteriormente le possibilità e la varietà di contenuti ci pensa Volpe. Talvolta potrà chiamare uno dei giocatori per assegnargli una missione “segreta” che potrà avvantaggiare lui o penalizzare i rivali.
Frantics - Recensione
La strada verso il successo
I minigiochi di Frantics hanno risvegliato nel sottoscritto, e credo in molti altri di voi, reminiscenze e ricordi legati a Crash Bash, quel party game capace di incollare allo schermo una generazione di giocatori PlayStation. Volendo spingerci un po’ oltre, si può azzardare che Frantics sia un Crash Bash 2.0, evoluto e certamente con diversi personaggi e caratteristiche. Corse a ostacoli, lanci dal paracadute, lotte sul ring per vedere l’ultimo personaggi che resta “in piedi” oppure una sorta di curling speciale fatto con sedie d’ufficio.
La varietà non manca certo in Frantics ed è un titolo che ovviamente dà il meglio di sé se affrontato con 3 amici, per un totale di quattro giocatori. È vero che è possibile giocare in solitaria (gli altri 3 personaggi saranno gestiti dalla CPU) ma da soli si perde quel divertimento e quella piccola magia che il titolo è in grado di dare. Una grafica “particolare”, volutamente cartoonesca, accattivante e simpatica, è il giusto contorno a un prodotto comunque ricco e vario anche se, anche in questo caso, ci sarebbe forse da ridire sul prezzo (19,99€), un pelo eccessivo per quanto offerto. È pur vero che la rigiocabilità è decisamente alta e quindi è più facile giustificare l’investimento.
Resta un peccato per l’interazione non sempre eccelsa tra smartphone e gioco (personalmente in questa prova ho utilizzando un Samsung S6 Edge) soprattutto in quei minigame dove veniva richiesto l’uso del giroscopio: la calibrazione non sempre perfetta e una risposta talvolta non ottimale hanno rovinato l’esperienza di gioco complessiva che senza questi piccoli difetti sarebbe stata sicuramente maggiore. Nel complesso Frantics è un titolo discreto, capace di garantire e divertimento e risate a patto che abbiate il giusto numero di giocatori con cui poter passare manciate di ore in allegria.

“Geek-Store”


Informazioni su Samuele "SamWolf" Zaboi 3493 Articoli

Videogiocatore da sempre, amante di boardgame, fumetti, cinema e Serie TV. Affascinato da ciò che è insolito, inusuale e profondo amante del mondo horror.
"Everybody lies. No exceptions."
Fondatore e ideatore di NerdGames.it
POWER TO BE NERD

Lascia un commento